Summer school 2017

[:it]

Quindici studenti del Massachusetts Institute of Technology e i loro professori hanno partecipato nel giugno 2016 a ONE-MA<sup>3</sup> – Materials in Art, Archeology and Architecture, una nuova international summer school che si è svolta in Italia. Nelle due settimane del corso i partecipanti, dopo essere stati a Roma e nelle aree archeologiche di Pompei e Priverno, si sono recati in Piemonte.
Gli studenti del Department of Civil and Environmental Engineering (CEEMIT) del prestigioso MIT di Cambridge (USA) hanno avuto modo di seguire lezioni teoriche e partecipare a esperienze sul campo. Le attività sono state guidate dal professor Admir Masic, l’ideatore del corso, in collaborazione con i professori Oral Buyukozturk e John Ochsendorf. L’attenzione del corso si è focalizzata sull’insegnamento di strategie di sostenibilità attraverso lo studio dei successi del passato. Dal cambiamento climatico globale all’inquinamento e alle risorse energetiche, la sfida è stata guardare a opportunità di sviluppo di nuovi materiali attraverso la lente del passato.
La Summer School ONEMA3 dopo il grande successo ottenuto nella prima edizione viene ripetuta ed ampliata nel giugno 2017 ponendosi come una delle più importanti iniziative di cooperazione internazionale tra Stati Uniti e Italia nell’ambito dell’uso di tecnologie innovative per la salvaguardia e valorizzazione dei Beni Culturali e dei borghi storici.

Alcune delle principali istituzioni partner presenti sul territorio italiano sono la Soprintendenza Archeologica di Pompei, i Musei Vaticani e il Museo Egizio di Torino. L’organizzazione e la conduzione dell’evento è curata dall’associazione AREA3.

Summer school 2017

Sin dalla prima edizione Admir Masic, attualmente assistant professor presso il MIT, ha coinvolto attivamente nel progetto alcuni professionisti con i quali aveva collaborato in Italia tra cui Marco Nicola (Adamantio), Roberto Scalesse (Erresse) e Gianfranco Quaranta (Artech). Questo primo nucleo organizzativo ha poi dato vita all’associazione AREA3, che attualmente gestisce l’evento.
Altre partner che hanno partecipato all’iniziativa sono: il Politecnico di Torino, il comune di Priverno (LT), la Compagnia dei Lepini (LT), il comune di Aramengo (AT), Nicola Restauri (AT), il cantiere di restauro della Venaria Reale (TO), l’arch. Marta Santolin (TO), La Calchèra San Giorgio (TN) e Nanotechsurface (MI)

La collaborazione più profonda che si sta attualmente delineando si appresta a diventare un punto di incontro permanente tra il MIT e le istituzioni italiane del settore.

Nel corso dell’inaugurazione che si terrà il 18 giugno 2017 al Castello di San Martino di Priverno (LT), verranno illustrati i risultati raggiunti nella precedente edizione orientati alla produzione di pubblicazioni scientifiche di altissimo profilo, brevetti per nuove tecnologie di salvaguardia del patrimonio culturale e divulgazione della cultura italiana nel mondo.
Verrà inoltre proiettato il breve documentario in lingua inglese che è stato prodotto
dal MIT per documentare l’esperienza svolta nel 2016. Tale filmato è stato realizzato durante il corso ed è stato ininterrottamente trasmesso su maxischermo all’ingresso del Building 1 del MIT per tutto l’Anno Accademico 2016/2017 ed è ora disponibile su Youtube.

[:en]15 undergraduate students from Massachusetts Institute of Technology and their professors attended a new international summer school in Italy on June 2016 at ONE-MA3 – Materials in Art, Archeology and Architecture. During the two weeks of the course, participants, after being in Rome and in the archaeological areas of Pompeii and Priverno, went to Piedmont. The students from the Department of Civil and Environmental Engineering (CEEMIT) from the prestigious MIT of Cambridge (USA) have been able to attend theoretical lessons and fieldwork. The activities were led by Professor Admir Masic, the founder of the course, in collaboration with Professors Oral Buyukozturk and John Ochsendorf. The focus was on ancient materials and technology with the aim of assessing their sustainability and their potential for spurring innovation. From global climate change to pollution and energy resources, the challenge has been to look at opportunities to develop new materials through the lens of the past. After the great success achieved in the first edition, the ONE-MA3 Summer School is repeated and expanded in June 2017 as one of the most important international cooperation initiatives between the United States and Italy in the context of the use of innovative technologies for the safeguarding and enhancement of cultural heritage and historical villages. Some of the main partner institutions present in the italian territory are the Archaeological Superintendence of Pompeii, the Vatican Museums and the Egyptian Museum of Turin. The organization and conducting of the event is cared by the AREA3 association. Since its first edition, Admir Masic, currently assistant professor at MIT, has been actively involved in the project with some of the professionals with whom he has collaborated in Italy including Marco Nicola (Adamantio), Roberto Scalesse (Erresse) and Gianfranco Quaranta (Artech). This first organizational nucleus then gave birth to the AREA3 association, which currently manages the event. Other partners who participated in the initiative are: Polytechnic of Turin, the municipality of Priverno (LT), the Compagnia dei Lepini (LT), the municipality of Aramengo (AT), Nicola Restauri (AT), the restoration work site Venaria Reale (TO), arch. Marta Santolin (TO), La Calchèra San Giorgio (TN) and Nanotechsurface (MI). The most profound collaboration currently being developed is preparing to become a permanent meeting point between the MIT and the Italian institutions involved. During the inauguration that will take place on June 18, 2017 at the Castle of San Martino di Priverno (LT), the results achieved in the previous edition will be illustrated; this results was directed to the production of high-profile scientific publications, patents for new technologies for the preservation of cultural heritage and the diffusion of Italian culture in the world. The short documentary in English produced by MIT to document the experience that was carried out in 2016 will also be screened. This film was created during the course and was continuously broadcast on the screen at the entrance of MIT Building 1 during the entire Academic Year 2016/2017 and is now available on Youtube.[:]